Treno
Esplora
Accessibilità e trasporti

Treno

L'Italia dispone di una ampia rete ferroviaria che unisce quasi tutto il territorio nazionale con una ricca offerta di treni regionali, Intercity e ad alta velocità .

Il 95% delle tratte operanti sono gestite da Trenitalia, che garantisce ben 7.000 treni al giorno, quasi la metà dei quali circolanti nelle ore di punta.

Ci sono vari tipi di treni: i locali, Diretto (DIR), Regionale (R) e Interregionale (IR) che si fermano a tutte le fermate intermedie, e quelli più veloci e a lunga percorrenza, Intercity (IC) ed Eurostar (ES), che fermano solo nelle città più grandi.

Ci sono poi i Treni Eurostar Italia ad Alta Velocità, i cosiddetti Freccia Rossa, che possono raggiungere i 300 km/h.

Una volta acquistato il biglietto e prima di salire sul treno, è necessario convalidarlo nelle apposite macchinette gialle che sono presenti, in gran numero, in prossimità dei binari.

Trenitalia SpA è l'azienda delle Ferrovie dello Stato (FS) che si occupa del trasporto di passeggeri in Italia.

Rete Ferroviaria Italiana Spa è l'azienda delle FS che si occupa della gestione e del potenziamento dell'infrastruttura ferroviaria nazionale.

Per orari ed informazioni, è consigliabile consultare il sito delle Ferrovie dello Stato: www.trenitalia.it

 

Qualche utile informazione:

 

ALLA STAZIONE

Trenitalia: +39199892021 oppure +39 199303060 (24h) per i clienti a mobilità ridotta (numeri a pagamento).

Disponibile anche il numero +39 063000 - www.trenitalia.com

Pronto Italo: +39 060708 - www.italotreno.it

Ritardi: se imputabili all'azienda la stessa prevede dei rimborsi integrali o parziali del biglietto oppure delle indennità.

Mancata effettuazione del viaggio: se imputabile all'azienda o per ordine dell'Autorità Pubblica, si prevede il totale rimborso del biglietto non utilizzato; in caso di rinuncia da parte del viaggiatore si prevede una trattenuta sul rimborso a seconda delle singole tariffe.

Disservizi: la prima cosa da fare è presentare un reclamo a Trenitalia o Italo.

 

VIAGGIARE CON GLI ANIMALI

In Treno: gli animali di piccola taglia custoditi nell'apposito contenitore (non più di uno a viaggiatore) di dimensioni non superiori a 70x30x50 cm sono ammessi gratuitamente previa prenotazione al momento dell'acquisto del biglietto. Per tutti i cani è sempre necessario il certificato di iscrizione all'anagrafe canina (o di "passaporto" del cane) .

 

I DOCUMENTI PER L’ITALIA

Il trattato di Schengen, a cui aderiscono 13 Paesi dell'unione Europea (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia) ha abolito i controlli di frontiera fra i paesi membri.

Per questo motivo nessun documento è necessario per oltrepassare i confini.

E' tuttavia consigliato ai turisti provenienti da questi Stati di portare ugualmente con sé un documento di identità all'arrivo in Italia per ogni evenienza.

Per i turisti provenienti da uno dei Paesi dell'Unione Europea non compreso nell'area di Schengen e da Croazia, Islanda, Liechtenstein, Macedonia, Norvegia, Principato di Monaco e Svizzera, invece, è necessario esibire al confine di Stato o all'aeroporto la carta d'identità valida per l'espatrio.

Per coloro che provengono da Paesi non appartenenti all'Unione Europea è necessario esibire il passaporto in corso di validità.

Si consiglia di portare il passaporto sempre con se' in ogni momento del viaggio poiché è l'attestazione formale che il turista si trova in Italia legalmente.

 

Furto o smarrimento dei documenti di viaggio:

è necessario denunciare l'accaduto alle Autorità competenti e, a seconda del tipo di viaggio, alla compagnia aerea o alle Ferrovie. E' possibile acquistare un nuovo biglietto che potrà poi essere rimborsato presentando una copia della denuncia del furto o smarrimento.

 

Consigli:

E' utile fare una fotocopia dei documenti di viaggio e tenere gli originali al sicuro in hotel o in una cassetta di sicurezza per tutto il soggiorno. Queste fotocopie si possono rivelare molto utili in caso di furto o smarrimento al momento delle denunce.